Dieci aspetti di un Panettone stratosferico

16 dicembre 2021 Dieci aspetti di un Panettone stratosferico

Francesco ci racconta alcune delle cose che ci piacciono di più quando assaggiamo un panettone artigianale, ce ne sarebbero molte altre e ne parlerebbe per ore e ore...quest’anno ne abbiamo raccolte dieci!

1. Lievito Madre
Ormai il lievito madre è il protagonista di tutte le conversazioni sui lievitati natalizi e confermiamo che in un Panettone degno di questo nome il Lievito Madre è il cuore pulsante. Il lievito madre è quella magia che richiede tante energie, cura e tempo al pasticcere e che regala tante soddisfazioni: le caratteristiche e le profumazioni che dona sono uniche.

2. Niente conservanti chimici!
Un Panettone fatto a regola d’arte va creato rigorosamente senza conservanti chimici. I monodigliceridi degli acidi grassi non devono assolutamente comparire nella lista ingredienti del tuo dolce! Ti offriamo un suggerimento: fai attenzione alla data di scadenza… se dura tantissimo tempo dovrebbe venirti qualche sospetto.

3. Aromi di sintesi… no, no e no!
Ribadiamo il concetto: la chimica non ci piace! Banditi da ogni laboratorio artigianale aromi vari come vaniglia, amaretto, arancio, gusto panettone, aroma burro… insomma lasciamo che l’eccellenza delle materie prime parli da sola! Se degustando il Panettone senti distintamente il sapore di canditi (veri!), uvetta, frutta secca o altre farciture e il tutto è armonizzato da un leggero ma deciso sentore di burro e vaniglia, il laboratorio ha fatto il suo dovere. Invece, se senti pizzicare i bordi della lingua o avverti in bocca una sensazione alcolica… non va bene!

4. Sofficità
Un Must! Una fetta soffice è un piacere irrinunciabile. Cosa c’è di più accogliente della sofficità di una fetta di panettone a tavola in famiglia o sul divano sotto una calda coperta? Per gustarlo al meglio ti consigliamo di mantenerlo in un luogo fresco e asciutto fino al giorno prima dell’apertura e poi stemperarlo spostandolo in una stanza più calda, vicino a una fonte di calore. Se degusti il tuo dolce in più momenti ricordati di far uscire l’aria dal sacchetto e di chiuderlo bene tra una degustazione e l’altra.

5. Sfiocca?
Un eccellente Panettone deve “sfioccare”! Cosa vuol dire? Prova tu stesso: prendi in mano una fetta di dolce e con l’altra mano inizia a “strappare” delicatamente un pezzo dall’alto: se continui a tirare vedrai che si separerà una striscia della fetta intera. Se il tuo dolce sfiocca stai per assaporare un ottimo prodotto.

6. Spacchettamento da sogno
Questo aspetto secondo noi è fondamentale. Quando iniziamo ad aprire la confezione dovrebbe generarsi un’escalation di emozioni: impazienza, trionfo, languorino… Se vieni inebriato da un profumo intenso e armonico di agrumi, di vaniglia, di burro e, sembra scontato ma non lo è, di dolce appena sfornato, il laboratorio ha fatto centro!

7. Alveoli
Con questo tema entriamo pericolosamente nella sfera del gusto personale (buchi si, buchi no, troppo grandi, troppo piccoli…) ma una cosa è certa: se il dolce è fatto con solo lievito madre i buchi ci devono essere, magari sparsi un po' qua e là, non troppi e non troppo grandi ma sono la prova che stiamo degustando un Panettone realizzato con passione e competenza.

8. MAMMA CHE BUONO!
Tecnicamente potremmo parlare a lungo dell’esperienza di assaggio, del fatto che il Panettone non deve essere troppo legnoso da masticare, non troppo secco, bello umido, con un sentore di burro equilibrato non troppo invadente... Invece di complicarci la vita ci piace riassumere tutti questi aspetti con un concetto semplicissimo: al primo morso dovrebbe istintivamente venirci voglia di esclamare MAMMA CHE BUONO! Riconosci questa sensazione?

9. Costo
Un Panettone con i fiocchi è un prodotto costoso (attenzione non caro). Il pasticcere deve investire negli ingredienti utilizzati, nell’esperienza e nell’impegno quotidiano per realizzarlo, nell’artigianalità della lavorazione... Un prodotto creato a regola d’arte richiede spesso modifiche quotidiane al processo di preparazione e acrobazie incredibili di produttori e distributori nel gestire scadenze brevi che non permettono di fare stoccaggio per i momenti di grande richiesta.

10. Il momento
Questo punto ci piace moltissimo: per godertelo devi degustare il panettone come vuoi tu!
Condividilo con chi ti fa stare bene: con la famiglia, con gli amici o con chi ha bisogno di assaporare un po’ di serenità. Il momento dell’assaggio può essere al caldo davanti a un caminetto, in ufficio con i colleghi per celebrare l’importanza del lavoro di squadra, da soli per una coccola o a colazione per iniziare bene la giornata. L’importante è che l’assaggio generi un momento di intensa felicità.

Le più recenti

16 dicembre 2021

Infermentum on the road

Anche quest’anno abbiamo creato delle nuove occasioni per poterci incontrare in una delle mete preferite dei veronesi: la Magica Lessinia!

16 dicembre 2021

Torna il Sabato in Lab

Torna il Sabato in Lab: siamo nuovamente pronti ad aprire le porte della nostra realtà!

16 dicembre 2021

Il Bauletto all'Uvetta al vino Bertani

Il Bauletto all’Uvetta è un omaggio al nostro territorio: l’uvetta contenuta al suo interno riposa per 18 ore nel vino Recioto Bertani.